Ponente Varazzino


7 Ottobre 2006

Porti turistici in Liguria anni settanta – 09

Filed under: - Porti Turistici Anni Sessanta,NEWS DA VARAZZE — Comitato Ponente Varazzino @ 17:31

PonentevarazzinoNews

Studi e progetti di porti turistici in Liguria all’inizio degli anni settanta

Finale Evoluzione delle nautica in Italia: fattori di sviluppo

Porto turistico di Chiavari

Continuiamo la pubblicazione dedicata allo studio sui porti turistici ed approdi in Liguria, realizzato dal Centro Studi Unione Camere di Commercio della Liguria nel lontano 1972, riportando alcune considerazioni sull’evoluzione della nautica da diporto in Italia:

I fattori obiettivi dell’espansione della domanda di imbarcazioni da diporto (e dei servizi connessi) vanno, quindi, in concerto ricercati nel graduale aumento dei redditi pro-capite e nella concomitante relativa diminuzione dei costi di produzione delle industrie del settore che attraverso le migliorate dimensioni aziendali, l’introduzione di nuove tecniche di lavorazione e l’impiego di nuovi materiali (in particolare, di materie plastiche) sono oggi in grado di offrire sul mercato una produzione più ampia e assai diversificata e, quindi, un tipo di naviglio a prezzi accessibili ad una larga fascia di redditi e a costi di manutenzione ulteriormente ridotti.

Tale rapporto circolare produzione-consumo, e la conseguente espansione indotta nella propensione media alla spesa, hanno trovato rispondenza in un mercato che per quanto stimolato nelle sue tendenze di fondo può considerarsi già  maturo sotto il profilo delle motivazioni della domanda.

In un quadro più generale di aumento e diffusione del tempo libero, di crescente incidenza dei consumi da esso indotti in funzione sia dei più alti livelli di reddito disponibile, sia delle maggiore propensione verso tale tipo di spesa si concretano le motivazioni specifiche di crescita della domanda di beni e servizi per la nautica turistica e sportiva: una crescente attrazione esercitata dal mare e in generale dalla vita all’aria aperta;la ricerca di spazi naturali ancora poco scoperti dal turismo ‘di terra’; un maggior grado di mobilità;la propensione per una formula ‘individuale’ di utilizzo del tempo libero e pratica sportiva.

Nessun commento »

No comments yet.

RSS feed for comments on this post. | TrackBack URI

Leave a comment

You must be logged in to post a comment.