Ponente Varazzino


31 Luglio 2008

San Nazario (Varazze) – Una risorsa o un problema gli alimenti OGM

Filed under: - Rifiuti: gestione e trattamento,Ambiente,NEWS DA VARAZZE — Comitato Ponente Varazzino @ 16:13

Comitato spontaneo di quartiere “Ponente Varazzino e Dintorni
comitato@ponentevarazzino.comwww.ponentevarazzino.com

Varazze, 30.07.2008.terranauta-disegno-di-johann-kerner.jpg

PonentevarazzinoNews

Una risorsa o un problema gli
alimenti OGM

Siamo impegnati ormai da mesi in una minuziosa quanto complicata campagna di sensibilizzazione sulla gestione dei rifiuti nel nostro territorio, e molto tempo richiederà  ancora l’iniziativa voluta e promossa dal direttivo e segreteria di questo comitato, sempre attento ai problemi ambientali e alla qualità  della vita. A detta di molti osservatori stiamo procedendo nel modo giusto, con paziente ricerca e scrupoloso rispetto di ruoli e specifiche responsabilità .

Il coinvolgimento delle istituzioni, dei tecnici del settore e dell’associazionismo ambientalista, conferma la volontà  di voler veramente e seriamente contribuire a trasmettere un messaggio di preoccupazione, ma anche di fiducia nelle molteplici possibilità  a disposizione, per correggere un approccio con gli “scarti”, che produciamo sempre più abbondanti, rivelatosi decisamente sbagliato e non sostenibile, come recenti eclatanti esperienze, seppur estreme, hanno vergognosamente evidenziato agli occhi del mondo intero.

Ci stiamo lavorando e continueremo a farlo con quel metodo, il nostro, rispettoso di ruoli e responsabilità , prendendoci tutto il tempo necessario; non dobbiamo mai dimenticare di essere cittadini con impegni di lavoro e personali che hanno, necessariamente, la precedenza su ogni altra iniziativa sociale e di volontariato.

Il prossimo appuntamento è programmato per giovedଠ4 settembre 2008, presso la sede di via Chiesa San Nazario, come sanno bene quanti seguono le fatiche degli addetti all’organizzazione dell’imminente dibattito (vedere post “Varazze 4 settembre 2008 – Programma dibattito sulla gestione dei rifiuti“).

Tutta questa premessa per dire a quanti, e sono diventati veramente tanti, ci hanno chiesto di trattare l’argomento “CIBI TRANSGENICI”, i cosiddetti OMG (Organismi Geneticamente Modificati). Argomento sicuramente meritevole dell’attenzione di tutti, non solo del direttivo e segreteria di un comitato di quartiere, ma non possiamo in questo momento calarci nella discussione che è in atto a vari livelli nel mondo intero.

Non ci pensiamo nemmeno di tirarci indietro, siamo qui per prendere tutti insieme conoscenza ed analizzare ogni aspetto della nostra vita in comune; rimandiamo però il nostro impegno su questo attuale e scottante argomento alla fine dell’estate, inizio autunno, per consentirci di approntare una squadra di lavoro, disponibile a documentarsi con “metodo”, il solito, e dare corrette informazioni.

Nell’attesa iniziamo con dare qualche definizione e rimandare a specifiche letture disponibili on line.

Cosa sono i cibi transgenici

“I cosiddetti cibi transgenici (trans in latino significa oltre, al di là , quindi “al di là  dei geni”) sono prodotti alimentari ottenuti da Organismi Geneticamente Modificati (OGM) grazie alle tecniche raffinate e potenti messe a punto dalla biologia moderna.”

immagine-finestra-sondaggio-ogm-del-tg1.GIF
Partecipate la sondaggio. (Sondaggio scaduto)

Sondaggio indetto dal TG1, se non avete idee chiare, prima di rispondere documentatevi leggendo tesi contrastanti di seguito linkate.

_^_^_^_

Su Biotecnologie“ ““ “io sono contro gli OGM senza se e senza ma” – “non possiamo e non potremmo fare a meno degli OGM, che piaccia o no”

_^_^_^_

Da “Ecologia ambientale“- Ogm La ballata del frutto proibito

Pro o contro? Organismi Geneticamente Modificati, una soluzione o un problema? C’è chi ancora ci crede, a forza di dollari, c’è chi invece comincia a dubitare, a forza di prove”¦

L’OGM, Organismo Geneticamente Modificato, continua ad essere lanciato sulla tavola del banchetto di nozze del mondo rivelandosi sempre più oggetto di discordia al pari del “pomo d’oro” di mitologica memoria. Dalle rivelazioni di un rapporto della NAFTA (North American Free Trade Agreement ) ““ censurato dal governo USA, ma reso noto da Greenpeace, in cui viene raccomandato di ridurre in farina tutto il mais statunitense che entra in Messico per evitare contaminazione delle sementi e inquinamento genetico ““ si comprende come il “problema cibo transgenico” stia letteralmente dividendo il mondo e, forse, rivelandosi per quello che realmente è, al di là  di un contesto di ricerca scientifica.[Continua …]

_^_^_^_

Da “Alimentarsi.com” – Studio Nutrizionale LRP – Dott.ssa Lia Rossi Prosperi – Biologa Nutrizionista Specialista in scienza dell’alimentazione

… Omissis…”Una pianta che resista spavalda all’uso di erbicidi diventa una superpianta rispetto a tutte le altre. Quindi il matrimonio tra l’ingegneria genetica e la coltura cellulare ha creato gli OGM. Perché negli anni 1990 i grandi colossi finanziari hanno investito in biotecnologie? Gli alimenti dovevano diventare un prodotto industriale e quindi garantire un profitto costante come qualsiasi prodotto industriale.
Le biotecnologie applicate al cibo sono finalizzate a:

  • aumento della produttività  del terreno;
  • massima conservabilità  del prodotto;
  • sicurezza del raccolto.

Il perseguimento di questi fini ha purtroppo trascurato la valutazione delle conseguenze sullo stato di salute dell’uomo e dell’ambiente.

ALCUNI ESEMPI DI OGM

Mais= geni estratti di Bacillus thurigensis che rende la pianta in grado di produrre una tossina insetticida che resiste;

  • Patate= geni del pollo per resistere alle malattie; gene del bucaneve per difendersi dagli insetti e dai parassiti;
  • Pomodori= gene anticoagulante del pesce;
  • Soia= gene della petunia per resistere ai pesticidi; gene della noce brasiliana per aumentare il contenuto di metionina e cisteina;
  • Pianta del tabacco= gene del criceto che produce steroli;
  • Pesci= ormone umano della crescita.

Le principali modifiche operate sugli OGM sono:

  • resistenza agli erbicidi (glifosfato);
  • resistenza agli insetti (piralide);
  • maschiosterilità  (Terminator Monsanto);
  • inibizione marcescenza (pomodori);
  • maturazione programmata.

L’indirizzo della ricerca nutrizionale è infatti più mirato allo sviluppo tecnologico e agroalimentare che allo studio degli OGM in termini di tossicità , mutagenicità , cancerogenicità , e sono le stesse multinazionali che eseguono i test tossicologici. Una delle modifiche operata più frequentemente dalle Biotecnologie riguarda l’introduzione di geni che conferiscono resistenza ai pesticidi. [Continua …]

Continueremo a trattare l’argomento. Seguiteci e discutiamone insieme; parlare, dialogare di persona o per iscritto non ha mai fatto male a nessuno, anzi “¦! Le nostre risposte sono normalmente cumulative a mezzo post pubblicato su www.ponentevarazzino.com, in casi particolari rispondiamo singolarmente nel più breve tempo possibile.

Firmato: il direttivo.

Nessun commento »

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Leave a comment

You must be logged in to post a comment.