Ponente Varazzino


17 Novembre 2009

Tangenti: Bufera in Liguria, stupore a Varazze

Filed under: Attualità,NEWS DA VARAZZE — Comitato Ponente Varazzino @ 15:47

Comitato spontaneo di quartiere “Ponente Varazzino e dintorni
comitato@ponentevarazzino.com –  Home page

Varazze, 17.11.2009.

PonentevarazzinoNews

Tangenti: Bufera in Liguria, stupore a Varazze

Palazzo Comunale della città  di VarazzeIl responsabile regionale della Liguria dell’Italia dei Diritti commenta l’inchiesta che ha colpito numerosi politici locali.

Tangenti, turbativa d’asta, corruzione, truffa aggravata, associazione a delinquere: sono le ipotesi di reato che scaturiscono dalle quaranta perquisizioni condotte dai finanzieri del nucleo di polizia Tributaria di Genova presso gli uffici della Regione, della Provincia e della Camera di Commercio di Imperia e dei Comuni di Recco, Albisola Superiore, Varazze e Sanremo, nonché in alcune abitazioni private, nell’ambito delle indagini condotte dal pm della procura del capoluogo ligure Paola Calleri.

L’inchiesta segue 3 filoni: il primo riguarda le gare per l’assegnazione di decine di milioni di euro stanziati dall’Unione Europea, il secondo l’affidamento e la gestione delle mense  dell’Azienda per i Servizi alla Persona “Emanuele Brignole”, il terzo il pagamento di mazzette mediante la falsa sponsorizzazione di una piccola società calcistica.

Tra i tanti esponenti politici locali coinvolti, sono stati raggiunti da avvisi di garanzia anche l’assessore all’Agricoltura della Regione Liguria Giancarlo Cassani e i consiglieri della giunta Vito Vattuone del Partito Democratico e Nicola Abbundo del Pdl.

“Indipendentemente dal lavoro che la magistratura svolgerà, è fortemente necessaria, in questa fase delicata per il paese, una spinta verso un processo di legalizzazione e moralizzazione che deve essere portata con forza all’interno della politica” Questo il commento del responsabile per la Liguria dell’Italia dei Diritti Maurizio Ferraioli, che aggiunge: “Auspico che i cittadini elettori si informino  sul proseguo delle indagini e riescano ad esprimere all’interno dell’urna un voto che sia fautore di una nuova classe dirigente, pulita, onesta ed estranea ai reati che hanno infangato il buon nome della nostra terra. Quella che esprimiamo non è volontà giustizialista in quanto non c’e’ il desiderio di mettere alla gogna nessuno, però – conclude l’esponente del movimento guidato da Antonello De Pierro – deve restare chiaro che chi sbaglia ed abusa dei propri poteri  ai danni della collettività dovrà pagare in prima persona”.

Fonte: Ufficio Stampa Italia dei Diritti

Per approfondire:

Da “Primocanale” del 17.11.2009 – Truffa fondi europei, stupore ad Albisola e Varazze.

Stupore a Varazze e Albisola Superiore per le perquisizioni compiute nell’ambito dell’inchiesta sui fondi europei. “Sono stato in municipio fino alle 14 e nessuno ci ha segnalato l’accaduto di cui saremmo stati certamente subito informati”. spiega il vicesindaco di Albisola Superiore, Davide Maranzano. A Varazze, il vicesindaco Andrea Valle afferma: “Questa mattina, una persona della Procura ha verificato un fascicolo che riguardava una pratica edilizia, nulla a che vedere con i Fondi europei dei quali Varazze deve ricevere un milione e 600 mila euro”.

_^_^_^_

Da “Primocanale” del 17.11.2009 – Oggi ci sarà un dibattito durante il consiglio regionale, il consigliere del Pdl Gianni Plinio ha già annunciato che chiederà al presidente Claudio Burlando di fare una comunicazione ufficiale sui fatti.

Tangenti, corruzione e turbativa, ecco tutti i filoni dell’inchiesta.

Ci sono vari politici e amministratori, tra cui due consiglieri e un assessore della Regione, oltre a imprenditori liguri, tra gli indagati per corruzione e turbativa d’asta nell’ambito di un’indagine avviata dal sostituto procuratore Paola Calleri della Procura di Genova sulla gestione di due tranche di finanziamenti dell’Unione Europea destinati alla Liguria, uno relativo al Fondo di sviluppo regionale e l’altro al Fondo europeo sociale, per una somma complessiva di 30 milioni di euro, 15 milioni ciascuno. Ieri mattina i finanzieri del nucleo di polizia tributaria di Genova hanno effettuato una quarantina di perquisizioni in sedi istituzionali e in abitazioni private. Sono state visitate la sede della Regione Liguria, in particolare gli uffici di alcuni consiglieri regionali in via Fieschi e quelli che gestiscono i fondi europei in piazza De Ferrari. Perquisizioni anche a Recco, Imperia (pare in Comune, Provincia e in Camera di Commercio), a Albisola Superiore e Varazze.

INDAGATI TRE POLITICI IN REGIONE E UN ASSESSORE DEL COMUNE DI RECCO

Tra gli indagati ci sono l’assessore regionale Giancarlo Cassini, due consiglieri regionali, sia di maggioranza che di opposizione, Vito Vattuone e Nicola Abbundo e anche Stefano Bersanetti, assessore comunale a Recco, esperto di ambiente e territorio, uno dei dieci “esperti” che il candidato del Pdl alle prossime regionali, Sandro Biasotti ha nominato per stilare il programma politico. Le indagini, iniziate nei primi mesi del 2009, riguardano tre filoni: oltre a quello relativo ai finanziamenti europei, un secondo filone interessa la presunta corresponsione di tangenti a pubblici ufficiali, false fatturazioni su operazioni inesistenti, la sponsorizzazione di una piccola squadra di calcio e consulente fittizie. Tre le squadre finite nell’occhi del ciclone: il San Desiderio, di cui è presidente Abbundo, che milita in Prima Categoria, il Molassana, che gioca in Promozione e la Sestrese, che partecipa al campionato di serie D. Il terzo filone è relativo all’Azienda per i servizi alla persona “Brignole” del Comune di Genova: si parla in questo caso di turbativa d’asta per l’affidamento e la gestione del servizio mense e per la gestione di due strutture della stessa azienda. L’appalto, del valore di 8,7 milioni di euro, non è stato ancora aggiudicato. Le ipotesi di reato per le tre tranche di inchiesta sono turbativa d’asta, corruzione, truffa aggravata e associazione a delinquere. Nei dialoghi intercettati dagli agenti delle Fiamme gialle ricorrono i nomi del presidente della Regione Claudio Burlando e anche quello del ministro dello Sviluppo economico Claudio Scajola spesso nominati da qualcuno degli indagati.

PERQUISITI GLI UFFICI IN REGIONE DI ABBUNDO E VATTUONE

Secondo quanto accertato da Primocanale, i finanzieri, intorno alle 8 di ieri mattina hanno perquisito gli uffici in Regione di Vito Vattuone, del Pd, e di Nicola Abbundo, dei “Moderati per il Pdl.” Entrambi confermano la visita delle fiamme gialle. “I finanzieri sono arrivati molto presto – spiega il capogruppo del Pd Michele Boffa – hanno controllato l’ufficio di Vattuone e portato via alcune carte relative a delibere di giunta e appunti personali”. Abbundo da parte sua aggiunge: “Non mi è stato spiegato il motivo della perquisizione. Di fatto non so neppure perchè siano venuti i finanzieri; un consigliere regionale di minoranza – aggiunge – non partecipa di certo all’assegnazione dei fondi europei”. Abbundo nega che possa essere coinvolto nell’inchiesta in quanto presidente del San Desiderio, squadra di calcio che milita in prima categoria.

In serata spiega alcuni dettagli all’agenzia Ansa: “Prima di perquisire gli uffici in Regione, i finanzieri si sono presentati a casa mia alle 6.30. Mi hanno chiesto di dare loro tutta la documentazione in mio possesso riguardante i bandi e le gare regionali con fondi europei sia per la formazione che per lo sviluppo economico. Poi hanno portato via un palmare, subito dopo sono andati negli uffici del consiglio regionale, ed hanno acquisito tre o quattro agende e due hard disk. Ma ancora non riesco a capire di cosa mi si accusi, anche perché mi hanno detto che l’inchiesta riguarda fatti avvenuti negli ultimi due anni e da quando non sono più assessore sono entrato negli uffici della Regione solo un paio di volte per fare gli auguri di Natale. Spero che si arrivi ad un chiarimento prima possibile perché siamo in campagna elettorale e questa vicenda mi danneggia. Anche per questo ho detto al mio avvocato di essere disponibile ad incontrare il magistrato al più presto”.

COINVOLTO ANCHE L’ASSESSORE CASSINI

Spunta anche il nome di uno degli esponenti della giunta regionale tra i politici i cui uffici sono stati perquisiti stamattina dalla Guardia di Finanza su ordine della procura di Genova. Si tratta dell’assessore regionale a agricoltura, pesca e Protezione civile Giancarlo Cassini. Dalla Regione fanno sapere che a Cassini le fiamme gialle hanno chiesto alcuni documenti che hanno poi sequestrato. Lo stesso Cassini spiega, in una nota, di non aver compreso quali siano le sue competenze effettivamente coinvolte nell’indagine. “Sono comunque del tutto sereno e tranquillo – scrive – Mi auguro che l’inchiesta conduca al più presto a un chiarimento positivo.” (Davide Lentini)

IMPERIA, INDAGATI ASSESSORI E DIRIGENTI

Erano le cinque di mattina quando la Guardia di Finanza si è presentata anche nell’estremo ponente ligure. Tra gli indagati il segretario generale della Camera di Commercio Giorgio Marziano, nel cui ufficio sono state sequestrate alcune agende. Ignoti, al momento, i dettagli della contestazione. Ad Imperia è stata poi perquisita sia l’abitazione sia l’ufficio dell’assessore leghista Alessandro Falciola, che risulta anche lui indagato, sequestrando due pratiche. Una delle quali relativa all’assegnazione di un contributo di 23 mila euro per il progetto Innova Lavoro. “Confermo la mia massima fiducia per l’assessore Falciola per cui metterei le mani sul fuoco – ha commentato il sindaco di Imperia Paolo Strescino – l’avviso di garanzia lo intendo come un atto di legge per la perquisizione effettuata”.

Tra gli indagati figura anche l’assesore sanremese Gianni Berrino. “Non so cosa dire perché non mi è stata contestata una pratica precisa ma solo Assegnazione di fondi europei”. Nel suo ufficio non è stato sequestrato nulla, a differenza di quello del dirigente dei beni ambientali Claudio Littardi dove è stata acquisita documentazione relativa ai giardini. Pratiche inerenti fondi europei riguardano a Sanremo il progetto Città Giardino, che però è stato già bocciato, ed uno di riqualificazione di Villa Ormond avviato in primavera dall’allora commissario prefettizio. Visita anche nel palazzo della Provincia dove le fiamme gialle hanno acquisito, nell’ufficio del dirigente Tomaso Lamendola, una pratica relativa a ville e giardini. (Federico Marchi)

_^_^_^_

Da “Il Secolo XIX” del 17 novembre 2009 – Bufera tangenti sulla Liguria – Il “day-after” in Regione.

In fondo all’articolo il link per leggere l’intervento del governatore della Liguria, Claudio Burlando, sui fondi contestati: «Non abbiamo ancora erogato un centesimo»

… Omissis … Il ministro Scajola: «S’indaghi presto e bene»

«Che la magistratura faccia con celerità la propria inchiesta, che punisca in maniera esemplare i colpevoli e non facendo di tutta l’erba un fascio»: è questo l’auspicio espresso stamani dal ministro per lo Sviluppo Economico, l’imperiese Claudio Scajola, in merito all’inchiesta della Procura di Genova sull’utilizzo dei fondi europei.

«La mia preoccupazione, leggendo i titoli di oggi – ha detto Scajola a margine dell’inaugurazione della nuova stazione ferroviaria di Savona – è che si voglia fare un po’ troppo fumo. È necessario dare risposte precise all’opinione pubblica, tanto più quando si tratta dell’utilizzo di risorse che vengono date alle regioni per sviluppare i territori, e quindi di fondi pubblici, e cioè di soldi di ciascuno di noi».

«L’inchiesta deve, e mi auguro che lo sia – ha concluso Scajola – essere svolta con serietà, velocità, individuando i colpevoli e punendoli esemplarmente. Io starò sempre dalla parte di chi fa rispettare la vera giustizia».

«Brignole, appalto su misura»

La Finanza visita gli assessori Berrino e Littardi

Tangenti, fondi neri e appalti – la notizia e i primi commenti
 
Il direttivo.

3 Comments »

  1. Da “Savonanews” di Martedì 17 Novembre 2009 – Genova: Burlando chiede cautela su indagine della Finanza

    Sulla bufera giudiziaria che ieri ha coinvolto Regione, Provincia e Camera di Commercio di Imperia e cinque comuni liguri Recco, Genova, Varazze, Albisola Superiore e Imperia, e che hanno prodotto l’assessore regionale all’agricoltura Giancarlo Cassini ad essere indagato assieme ai consiglieri Nicola Abbundo (PdL), Vito Vattuone (PD) e una trentina persone, interviene il governatore Claudio Burlando : “Occorre cautela”.

    I capi d’accusa sono: associazione per delinquere, corruzione, turbativa d´asta, truffa aggravata, emissione di fatture false. Proprio nella mattinata di ieri i militari della Guardia di Finanza del Nucleo di polizia tributaria hanno perquisito gli uffici della Regione di via D´Annunzio, piazza De Ferrari, via Fieschi su ordine del pubblico ministero Paola Calleri

    “Come abbiamo già fatto sapere con il comunicato congiunto mio e del presidente del consiglio regionale Giacomo Ronzitti, c’è la massima disponibilità nei confronti dell’autorità giudiziaria, per fornire tutti gli elementi che saranno ritenuti utili e necessari per chiarire la vicenda. Non si conosce al momento l’oggetto specifico dei provvedimenti e dell’indagine. Sappiamo che il riferimento è ai Piani di Sviluppo locale. Essi sono stati avviati con il bando del dicembre 2008 ed hanno seguito il normale iter”.

    Burlando ha inoltre rilevato: “Mi pare molto importante che la commissione che ha svolto il lavoro in oggetto, che si è occupata dell’iter dei Piani, non è oggetto di indagine: nessuno dei suoi componenti è oggetto di indagine. E’ importante constatare, inoltre, che dalle nostre casse non è uscito un solo centesimo. Si è appena conclusa la graduatoria, fatta sulla base dei programmi presentati, dei vari progetti che dovranno essere realizzati da Comuni, Comunità montane, Enti Parco. Ora ci sarebbe nella fase in cui si fanno le convenzioni per i progetti. La magistratura, quindi, interviene in un momento un cui non c’è stata l’erogazione di finanziamenti e questo ci consente di stare attenti allo sviluppo del provvedimento che si potrà valutare prima che siano spesi fondi pubblici: va rimarcato che i soldi sono tutti destinati a soggetti pubblici”. m. pi.

    Comment by Comitato Ponente Varazzino — 17 Novembre 2009 @ 15:51

  2. Dal “Coordinatore pd circolo Varazze dr. Giulio Alluto” – Diciarazione del Vicesindaco di Varazze

    Il Vicesindaco Andrea Valle afferma di non saper nulla in merito all’inchiesta sui Fondi Europei ma contemporaneamente ricorda che Varazze deve ricevere un milione e 600 mila euro. Il PD ricorda a Valle che come Vicesindaco ha il dovere di informarsi su quello che accade nel proprio Comune ed ha il dovere di informare tempestivamente i cittadini. Altrimenti, a cosa servono gli amministratori pubblici?

    Comment by Comitato Ponente Varazzino — 17 Novembre 2009 @ 19:22

  3. Da “Il Giornalino” – Inchiesta: Il Faggio coinvolge Varazze e Albisola
    Genova: appalti, Coop Il Faggio coinvolge Varazze e Albisola.

    All’unisono dalle amministrazioni di Albisola Superiore e di Varazze, si ripete che non c’è stata alcuna visita da parte di nessun organo di polizia che abbia controllato o sequestrato fascicoli. La voce è quella dei due vicesindaci, Davide Maranzano per Albisola ed Andrea Valle per Varazze. L’affermazione riguarda il caso esploso ieri mattina a Genova e riguarda tangenti, turbativa d’asta, corruzione, truffa aggravata, associazione a delinquere. Queste le ipotesi di reato che scaturiscono dalla trentina di perquisizioni che sarebbero state svolte dalla Guardia di Finanza del Nucleo di polizia tributaria di Genova negli uffici della Regione, della Provincia e della Camera di Commercio di Imperia e dei Comuni di Recco, Albisola Superiore, Varazze e Sanremo, nonché in alcune abitazioni private, nell’ambito delle indagini condotte dal pubblico ministero Paola Calleri.

    Sono stati raggiunti da avvisi di garanzia l’assessore all’agricoltura della Regione Giancarlo Cassani e i consiglieri della giunta Vito Vattuone del Partito Democratico e Nicola Abbundo del Popolo della Libertà. Come detto, però, dai due Comuni savonesi coinvolti, i diretti interessati smentiscono di aver ricevuto le visite dalle Fiamme Gialle. Il punto di unione che ha immerso nell’inchiesta le due cittadine a levante del capoluogo, è la cooperativa “Il Faggio” che ha vinto sia a Varazze sia ad Albisola il bando per l’assistenza scolastica specializzata ad alunni diversamente abili residenti e frequentanti gli istituti scolastici statali sul territorio. Per Albisola il bando è per la stagione didattica in corso e anche per quella 2010-2011, mentre per Varazze è valida solo per quest’annata.

    “E’ l’unico punto di collegamento che ci coinvolge nella vicenda – spiega l’assessore ai Servizi sociali di Varazze Tonino Franzone – . ‘Il Faggio’ ha vinto un regolare bando di appalto con procedura negoziata per un importo di 86 mila e 775 euro a base d’asta, che si è aggiudicata con un ribasso del 2,18%. Questa è l’unica ipotesi che ci sovviene, perché Varazze sia accostata a questa inchiesta”.

    Sulla stessa falsariga l’assessore alla pubblica istruzione di Albisola, Giovanna “Pupi” Rolandi. “Il bando era stato vinto da un’Ati (Associazione temporanea di impresa, ndr.) di Casale Monferrato e Caresanablot (Vercelli) ma per una difformità, secondo quanto redatto dal Codice nazionale degli appalti, questo fu affidato ai secondi classificati ossia ‘Il Faggio-Onlus’ che aveva offerto un ribasso pari al 7,74% per una spesa di 45 mila euro. Se all’interno della cooperativa savonese nell’ambito dei loro molteplici programmi, gli inquirenti presumono ci siano delle problematiche giudiziarie, ci penserà la magistratura a verificarlo”.

    Comment by Comitato Ponente Varazzino — 17 Novembre 2009 @ 22:06

RSS feed for comments on this post.

Leave a comment

You must be logged in to post a comment.