Ponente Varazzino


26 Dicembre 2012

Chiavari. Premio Ciävai di poesia dialettale al varazzino Domenico Gavarone

Filed under: - Concorsi,- Poesie,Attualità,EVENTI E MOSTRE,NEWS DA VARAZZE — Comitato Ponente Varazzino @ 08:32

PonentevarazzinoNews

Varazze, 26.12.2012.                                   Home page

Premio Ciävai di poesia dialettale al varazzino Domenico  Gavarone

Il 2 dicembre 2012 al varazzino Domenico Gavarone, figlio di Paolina Fanetti e Gianbattista Gavarone, gli è stato assegnato il premio speciale della giuria alla XXX edizione del prestigioso concorso di poesia dialettale organizzato dall’Associazione “O Castello di Chiavari”, aderente alla Consulta Ligure: “Premio Ciävai di poesia in dialetto della Liguria 2012”.

A scïa da vitta

Pùssan i remmi in te l’ægua
pe’ fâ scurrî a chìggia du gussu,
a puppa se lascia in-a scïa:
Òua a se vedde, òua a se perde.

Chi vöga de spalla, settôu in sciü bancu,
chi vöga de scïa, in pë in scï paggiêu,
a vitta a l’è inn-a vûgâ, se ceighe a schen-a
e scrùscian i streppi in ti scarmi.
L’ommu u l’è fætu de carne e de osse,
de spirtu, çervellu e in po’ de mestë
e quæ de stâ a-u mundu cun serenitæ
pe’ vivila tûtta, au mëgiu, ‘sta vitta,

piggiându u mâ cun u drïtu de prua,
faxèndu attenziun a-i bucalètti de costa,
nu serve a ogni custu curî in-a regäta
ma mai tiâ sciù e remme, in sciä barca!

In rammu de oivu ligôu in sciä pernàccia,
in pämitu a puppa sutta a-u carabuttin,
u læzu streitu e ben averti i êuggi
pe navegâ e nu finî inti schêuggi.

Pùssan i remmi in te l’ægua
e scrùscian i streppi in ti scarmi

°

La scia della vita

Affondano i remi nell’acqua
per fare scorrere la chiglia del gozzo,
a poppa si lascia una scia:
Ora si vede, ora si perde.

Chi voga di spalla, seduto sulla panca,
chi voga di scia, in piedi sui paglioli,
la vita è una vogata, si piega la schiena
e scricchiolano gli strappi negli scalmi.

L’uomo è fatto di carne e di ossa,
di spirito, cervello e un po’ di mestiere
e voglia di stare al mondo con serenità
per viverla tutta, al meglio, questa vita,

prendendo il mare con il dritto di prora,
facendo attenzione alle piccole onde di lato,
non serve ad ogni costo fare una gara
ma mai tirare su i remi, sulla barca!

Un ramo di ulivo legato sulla pernaccia,
un palamito a poppa sotto il banco,
il lezzo stretto e ben aperti gli occhi,
per navigare e non finire negli scogli.

Affondano i remi nell’acqua
e scricchiolano gli strappi negli scalmi

1 commento »

  1. da /Sevenpress/ Premio Ciävai di poesia dialettale al varazzino Domenico Gavarone … [Continua … ]

    Comment di Comitato Ponente Varazzino — 26 Dicembre 2012 @ 12:47

RSS feed for comments on this post.

Leave a comment

You must be logged in to post a comment.