Varazze che vogliamo by consigliere Dr. Giovanni Baglietto

Comitato spontaneo di quartiere “Ponente Varazzino e Dintorni“
comitato@ponentevarazzino.comwww.ponentevarazzino.com

Varazze, 15.11.2008

varazze-che-vogliamo.jpgPonentevarazzinoNews

Varazze che vogliamo by
consigliere Dr. Giovanni Baglietto

Abbiamo ricevuto dal consigliere comunale Dott. Giovanni Baglietto un comunicato stampa che non riportiamo per intero, in quanto già  pubblicato sul sito www.varazzechevogliamo.it, nello stesso documento indicato.

Comunicato stampa

Restaurazione a Varazze

logo-di-pietro.jpgLa scelta del sindaco di Varazze di rimuovermi dall’incarico di assessore, proprio in un periodo pre”“elettorale difficile come questo, va analizzata a fondo, affinché ne siano ben chiari i motivi, anticipando cosଠle insinuazioni varie che da adesso siamo certi verranno fatte per criminalizzare lo scrivente e coloro i quali la pensano come lui. [Il seguito lo potete leggere su: www.varazzechevogliamo.it “¦].

Per chi interessato ad approfondire riportiamo quanto pubblicato  alla voce “Chi siamo“ del citato sito:

“Ci piace definire noi stessi un laboratorio politico, un gruppo di persone provenienti da esperienze diverse, partitiche e non, che vogliono dare il proprio contributo, portare le proprie capacità  e professionalità , per l’interesse di Varazze.

Il nome del nostro sito prende spunto dal titolo di una assemblea pubblica tenuta dal gruppo misto consiliare, il 26 gennaio 2007 presso la sala congressi del palasport di Varazze.

Varazze che Vogliamo è un nome propositivo ma anche ambizioso, che racchiude la speranza di un futuro migliore, ma testimonia allo stesso tempo la determinazione di contribuire a migliorare una città  che noi amiamo, ma che vediamo restare sempre più indietro.

Il sito nasce da molteplici sollecitazioni a portare alla conoscenza del pubblico temi e risvolti della vita sociale e politica della città  troppo spesso confinati nelle stanze del potere cittadino.

I mezzi che le moderne tecnologie ci mettono a disposizione ci consentono un dialogo diretto con la gente come mai è avvenuto nel passato.

Sappiamo che è un impegno non solo verso noi stessi, ma verso le future generazioni: non vogliamo che ci possano indicare dicendo “loro c’erano e non hanno fatto niente”.

Il nostro è un gruppo aperto alla discussione, al confronto e al dialogo, senza preclusioni di parte o di credo politico.

Uno solo è l’impegno che ci prendiamo: quello di portare il nostro contributo e quando servirà , la nostra critica sempre prescindendo da interessi particolari, guardando all’interesse di Varazze come priorità  assoluta della nostra azione.”

La campagna elettorale è iniziata con molto anticipo, questo sicuramente non è un bene né per i politici impegnati e neppure per noi cittadini anche se, come spesso avviene, ci sarà  qualcuno che pure da questa difficile situazione riuscirà  a trarne qualche beneficio. Per ogni persona di buona volontà , che vuole bene alla propria città , come è certamente per noi di Ponente Varazzino, l’auspicio è quello di sperare non sia troppo penalizzante per l’intera comunità .

Seguiremo questo lungo travagliato percorso di avvicinamento alle elezioni di maggio o giugno del 2009; terremo informati chi ci segue su quanto sarà  portato a nostra conoscenza, affinché essendo aggiornati si possano prendere decisioni valutate e meditate. Come da consuetudine non appoggeremo nessuna Forza Politica, Partito o Politico, disposti a dialogare senza discriminazione alcuna con chiunque ritenga giusto considerarci come normali cittadini.

Il direttivo.

Questo articolo è stato pubblicato il 16 Nov 2008 alle 18:05 ed è archiviato nelle categorie Attualità, COMUNICATI E COMMENTI DEL DIRETTIVO, NEWS DA VARAZZE. Puoi seguire i commenti a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi andare in fondo e lasciare un commento. Attualmente il pinging non è permesso.

2 commenti

 1 

da “La Stampa” del 18.11.2008 – Varazze – L’ira di Baglietto «Cacciato perché non omologato»

«La scelta del sindaco di Varazze Antonio Ghigliazza di rimuovermi dall’incarico di assessore, in un periodo pre-elettorale difficile come questo, va chiarita.

La “necessità” di allontanare l’unico elemento della giunta di centrosinistra reo unicamente di avere un cervello “non omologato” ad accettare supinamente scelte prese spesso fuori da palazzo civico, ha fatto sovente capire che gli interessi della gente sono ben diversi e distanti da quelli del cosiddetto “partito del cemento”».

Questo lo sfogo di Giovanni Baglietto (Idv), ex assessore comunale di Varazze, dopo la sua destituzione dall’incarico. M. PI.

19 Nov 2008 alle 08:05
 2 

Da “Il Secolo XIX” del 19/11/2008 – L’Italia dei valori si spacca da Varazze attacco a Tuvè – Il caso Baglietto

È SCONTRO all’interno dell’ “Italia dei valori”. Da un lato, la segreteria provinciale, dall’altro il gruppo di Varazze che sostiene l’ex assessore Giovanni Baglietto, “reo” di aver intrapreso contatti con una parte del centro destra in vista delle amministrative di primavera.

Quindici membri dell’Idv hanno scritto all’onorevole Giovanni Paladini esponendo il caso. «Con disappunto- dicono- abbiamo appreso che il dottor Baglietto, dopo essere stato rimosso da assessore per pura vendetta del Pd varazzino,oggi viene scaricato anche da una parte dell’Idv. È grave apprendere come il dissenso avvenga tramite Rosario Tuvè, che rappresenta solo una parte degli iscritti in provincia».

«Notiamo come Tuvè, e una parte del partito, – concludono i firmatari della lettera – pensi esclusivamente a non minare i propri interessi nel confronti del Pd. Ciò è inaccettabile e per questo chiediamo un intervento chiaro che ripristini l’unità nel partito e riconduca Tuvè al ruolo che gli spetta, quello di amministratore a Savona e semplice rappresentante di un gruppo di iscritti».

Armi affilate, dunque, sia nel centro sinistra, con la fresca polemica interna all’Idv, ma anche nel centro destra, dove a livello provinciale è stata sconfessata l’iniziativa degli “Amici della libertà” varazzini, che dialogano appunto con parte dell’Idv e, pur se non ufficialmente, con la “Rosa bianca”. A. REG.

20 Nov 2008 alle 08:27

Scrivi una risposta

Devi essere loggato per inserire un commento.