Cinque Terre – Le FS mettono all’asta la famosa caletta del Guvano

Comitato spontaneo di quartiere “Ponente Varazzino e Dintorni“
comitato@ponentevarazzino.com –   Home page

Varazze, 28.01.2009.

PonentevarazzinoNews

caletta-guvanoCinque Terre
Le FS mettono all’asta
la famosa caletta del Guvano

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa inviatoci dal Gruppo Consiliare Verdi della Regione Liguria, riguardante la decisione delle FS di mettere all’asta la famosa caletta del Guvano a Corniglia nelle Cinque Terre.

Comunicato stampa

I VERDI  PER L’ACQUISIZIONE DELLA FAMOSA CALETTA DEL GUVANO INTERROGAZIONE URGENTE IN REGIONE
 
In merito alla messa all’asta del Guvano, famosa spiaggia delle Cinque  Terre meta del turismo naturista, da parte delle Ferrovie dello Stato, interviene la Consigliera regionale dei Verdi Cristina Morelli che annuncia anche un’interrogazione in Consiglio regionale.

“Questa occasione non può essere persa dalle istituzioni per acquisire un’area di grande pregio ambientale tra le più caratteristiche della nostra regione, oltretutto all’interno del Parco delle Cinque Terre.

Da anni come Verdi ci battiamo, lavorando anche assieme all’ente Parco, per difendere la spiaggia in modo che rimanga integra e ad uso pubblico.

Riteniamo che questa sia un’opportunità  che non può sfuggirci per salvarla dalla speculazione, la caletta del Guvano non può certo finire nelle mani dei privati ma resa fruibile ai cittadini e ai turisti che da tutta Europa già  la frequentano, essendo peraltro l’unica spiaggia per naturisti della regione.
         
Chiediamo quindi al Presidente Claudio Burlando, attraverso un’interrogazione urgente appena presentata, – conclude Cristina Morelli – che in questa vicenda la Regione faccia la sua parte  affinché la possa acquisire e, in collaborazione con il Parco, rendere ancora più fruibile alla collettività .” – Genova, 27/01/2009.

Per approfondire: Parco nazionale delle Cinque Terre.

Il direttivo.
[exec] InSeries::ToC(); [/exec]

Questo articolo è stato pubblicato il 28 Gen 2009 alle 20:11 ed è archiviato nelle categorie Ambiente, Attualità, NEWS DA VARAZZE. Puoi seguire i commenti a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi andare in fondo e lasciare un commento. Attualmente il pinging non è permesso.

Scrivi una risposta

Devi essere loggato per inserire un commento.