Ponente Varazzino


30 Novembre 2009

Varazze: Il pensiero dell’Arch. Fabrizio Gambetta sulla realizzazione del campo sportivo in località Salice

Filed under: - Recupero del Retroporto,A)-TEMI IN DISCUSSIONE,Attualità,NEWS DA VARAZZE — Comitato Ponente Varazzino @ 16:26

Comitato spontaneo di quartiere “Ponente Varazzino e dintorni
comitato@ponentevarazzino.com –  Home page

Varazze, 30.11.2009.

PonentevarazzinoNews

Il pensiero dell’Arch. Fabrizio Gambetta sulla realizzazione del campo sportivo in località Salice

salice_foto-di-gente-comune_201109Ho letto alcuni articoli sul vostro sito e sul Secolo XIX in cui si riparla del progetto di riqualificazione del retro porto e vorrei esporvi il mio pensiero per quanto riguarda la realizzazione del campo sportivo in località Salice.

Come sapete, già gli scorsi mesi avevo esposto forti perplessità nell’individuazione del sito del Salice per la realizzazione del campo sportivo e con questa mia relazione che fa riferimento a documenti ufficiali vi spiegherò il perché.

Negli anni intercorsi dal 2000 fino al 2007 sono state effettuate alcune relazioni e indagini geologiche dallo studio Berardi-La Magna, che sono rispettivamente professore ordinario di Meccanica dei terreni e tecnica delle fondazioni e professore associato di geotecnica dell’Università degli Studi di Genova.

Nelle succitate relazioni viene specificato che nel periodo intercorso fra il 1992 e il 1999 l’area del Salice è stata oggetto di monitoraggi piezometrici ed inclinometrici volti, rispettivamente, al controllo dei livelli della falda e dei movimenti del sottosuolo, a monte e a valle del costruendo campo sportivo ( relazioni Dott. Carieri).

Sempre nello stesso periodo, sono stati eseguiti alcuni interventi tra i quali si citano gli scavi per la costruzione delle gradinate, la realizzazione di una serie di trincee drenanti, e la realizzazione di tiranti attivi. Su tutti questi interventi, lo studio Berardi – La Magna, nutre forti perplessità in quanto (cito testuali parole delle relazioni) “i drenaggi hanno caratteristiche tali da interessare una troppo modesta profondità” e per quanto riguarda i tiranti “non concordiamo né sul concetto posto alla base dell’intervento, ne sulla realizzazione”.

Emerge molto chiaramente già dalle prime relazioni geologiche dello studio Berardi–La Magna, che il sito sul quale è stato operato lo sbancamento, è chiaramente il corpo di una antica frana.

L’incisione attuale ha evidentemente interessato e mobilizzato una situazione di per se al limite di stabilità o prossima ad esso. Il sito è ricco di acqua.

Il fenomeno di stabilità occorso ed in atto è di notevole rilievo. L’estensione è altrettanto notevole e nella zona a monte, a ponente, sono presenti alcuni edifici che hanno subito più o meno lesioni alle strutture.

Nel 2007 viene presentato dallo studio Berardi-La Magna, un progetto in cui sono indicati per punti gli interventi previsti per la messa in sicurezza dell’area:

1. Rendere stabili le zone che in seguito alle evidenze raccolte e ai risultati di analisi di stabilità, indichino condizioni critiche ;
2. Migliorare le condizioni di deflusso delle acque superficiali e ridurne l’infiltrazione nel sottosuolo mediante la captazione e regimentazione delle stesse;
3. Regimentare il livello delle acque profonde sia a monte del campo sportivo, sia nell’area dello stesso;
4. Migliorare le caratteristiche meccaniche del terreno superficiale dell’area del campo sportivo.

Purtroppo dalle relazioni in mio possesso non è possibile quantificare l’importo per la realizzazione di questi interventi, ma in una relazione del 2000, ( progetto preliminare) è allegato un computo metrico estimativo che riporta come cifra per la realizzazione dell’intervento ( ancora nelle vecchie lire ) circa 2 miliardi e 500 milioni.

CONCLUSIONI: nell’intervallo cha va dal ’92 al ’99 sono state fatte perizie geologiche e interventi che ci hanno fatto buttar via dei soldi pubblici. Allo stato attuale, per mettere in sicurezza tutta l’area, dobbiamo “ attualizzare” un importo che nel lontano 2000 era di 2 miliardi e 500 milioni e che ai giorni nostri potrebbe aggirarsi intorno ai 2 milioni di euro !!

ATTENZIONE : per la sola messa in sicurezza dell’area … !!! e poi bisognerà sommare gli importi per la realizzazione del campo.

Arch. Fabrizio Gambetta.

Per approfondire:

Da “Gente Comune Varazze” – CAMPO AL SALICE ENTRO UN ANNO, SI DICEVA ESATTAMENTE 7 MESI FA IN CAMPAGNA ELETTORALE … VEDIAMO UN PO’…

TRATTO DA PONENTE VARAZZINO, DI SEGUITO UN STRALCIO DELL’ARTICOLO CHE POTETE TROVARE IN FORMA INTEGRALE << ..  QUI ..  >>

“Se, come è probabile, la realizzazione del retroporto non decollerà nel brevissimo tempo rimasto all’attuale maggioranza la scelta del nuovo sindaco Delfino sarà quella di realizzare un campo di calcio regolamentare in erba sintetica con annessi spogliatoi, punto ristoro tribuna coperta in struttura leggera e parcheggi in località Salice.

Tale progetto la cui fattibilità è stata attentamente valutata dai tecnici incaricati ha incontrato il favore delle società di calcio che vedrebbero finalmente realizzate le loro richieste in tempi brevi (circa un anno) e con costi assolutamente contenuti …”

Ecco a 7 mesi da tali dichiarazioni lo stato dei lavori:

Personalmente le cose mi sembrano ancora in alto, altissimo mare, non si vedono scavi, non si vedono materiali di costruzione, o recinzioni, eppure giuro di aver sentito gente che prometteva la costruzione ultimata del campo entro un anno, l’ho sentito davvero con le mie orecchie. Speriamo che le cose si muovano in fretta, perché il Varazze calcio sta aspettando le promesse, essendo stufo di giocare in un campo minato come il Pino Ferro, e anche perché al posto di tale campo deve nascere la Piscina Comunale, sbaglio??

   ……..

Da “Gente Comune Varazze” – INFURIA LA POLEMICA SUL CAMPO DEL SALICE…WOW!!!

Siamo tutti d’accordo, è un problema di scelte che una comunità fa.

Eleggendo questa giunta la nostra città ha di fatto scelto  tutto il programma del gruppo vincente. Quindi per i cittadini di Varazze il campo sportivo, la prima ora di posteggio gratis ecc ecc. sono cose di primaria importanza, più di asili nido e\o strutture per anziani (questo non vuol dire che non verranno fatte) !Ora il problema non è dei sei o sette mesi in più o in meno prima del glorioso momento:”inizio dei lavori” – qualsiasi tipo di lavori- ,il problema è di smetterla di promettere mare e monti in campagna elettorale e soprattutto, da parte nostra, di CREDERCI, di credere alle panzane che TUTTI raccontano per poi bersele  felici & contenti !!!

E’ logico e legittimo per noi di Gente Comune stare alle calcagna dell’Amministrazione, abbiamo fatto tutta una campagna elettorale cercando di spiegare ai cittadini quello che a noi sembra così chiaro : “basta palle, basta pacche sulle spalle prima del voto e dopo….fuori dai maroni “Qualcuno ci ha capito, altri no e ora mugugnano.  Ma veramente le associazioni sportive hanno creduto che in un anno ci sarebbe stato il nuovo campo (quasi) pronto ? Noi durante una serata in campagna elettorale abbiamo promesso , in cambio di voti, Kaka al varazze fbc. Perché a noi non avete creduto ? era troppo grossa ? Vi assicuro…mica  tanto in confronto al resto. Bastava andare da Gagliani e fare un’offerta. Per il campo sportivo del salice invece era più macchinoso: bisognava salire al terzo piano del Comune e chiedere ad un tecnico spiegazioni. Io l’ho fatto, mi sono preso un diritto che era mio ! ho saputo che ci volevano tanti milioni e tanti canali di convogliamento delle acque, muri di contenimento ENORMI  ecc ecc.

E allora ? e allora niente. Ognuno può promettere quello che crede, però è lecito poi chiedere il conto se le cose non tornano, ed è lecito scrivere in un blog le proprie impressioni.

Però Kaka al Varazze non sarebbe stato niente male…… peccato

_^_^_^_

Il PdL scopre le carte su Campo, Piscina e Retroporto

Nuovo campo di calcio in loc. Salice – SPORTPROGETTI Milano

Il direttivo.

Nessun commento »

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Leave a comment

You must be logged in to post a comment.