Ponente Varazzino


13 Novembre 2008

Il fenomeno delle seconde case insidia le bellezze della Liguria

Filed under: - Recupero del Retroporto,A)-TEMI IN DISCUSSIONE,Ambiente,NEWS DA VARAZZE — Comitato Ponente Varazzino @ 10:37

Comitato spontaneo di quartiere “Ponente Varazzino e dintorni“
comitato@ponentevarazzino.comwww.ponentevarazzino.com

Varazze, 13.11.2008.un-desolato-retroporto-di-seconde-case.jpg

PonentevarazzinoNews

Il fenomeno delle seconde case
insidia le bellezze della Liguria

L’affermazione dell’Assessore della Regione Liguria Carlo Ruggeri “Il paesaggio per la Liguria è tutto ed è l’attrattore principale per il Turismo” e la provocatoria proposta del Presidente Claudio Burlando su “Opzione zero, per uno stop a seconde case”, ha colto di sorpresa e fatto arrabbiare noi di Ponente Varazzino (come abbiamo chiarito con il post “Effetto Obama in Regione Liguria“), il Gruppo Consiliare Verdi della Regione Liguria, che ha emesso un sarcastico comunicato stampa, e tanti liguri e turisti che amano la nostra terra, la conoscono, sanno cosa sta succedendo, i progetti edificatori in corso di realizzazione o in discussione e faticano a capire certe esternazioni.

Erano anni che non assistevamo ad un accanimento cementificatorio come oggi si sta attuando su tutto il territorio ligure, con recuperi e bonifiche di siti produttivi dismessi, ex colonie, porticcioli con annessa zona residenziale. Migliaia di metri cubi di nuove seconde case, destinate ad aumentare frustrazione, rancore, abbandono, spaccatura tra i poteri e una sempre maggiore sfiducia dei cittadini nei confronti delle istituzioni.

Riqualificare zone industriali dismesse è necessario, anzi occorrerebbero prescrizioni per stabilire tempi e regole tali da evitare il protrarsi all’infinito di procedure che ne complicano l’attuazione; ma questo non può e deve significare riedificare obbligatoriamente nello stesso posto, mentre dovrebbe essere doveroso cercare di risanare ferite inferte ad un prezioso territorio, molto bello ma tanto delicato e bisognoso di continue cure di mantenimento e consolidamento.

Riportiamo un significativo commento fatto all’articolo in oggetto dall’Arch. Elena Fedi, che invitiamo a venirci a trovare qui a Varazze, pubblicato  sul sito della Regione Liguria, perché riteniamo meriti di essere analizzato con attenzione da tutti noi, ma soprattutto dai politici liguri senza distinzione alcuna. Potrebbe anche darsi sia giunto il momento di prendere coscienza che è pure utile “pensare in grande e volare in alto”, ma senza esagerare e con la dovuta moderazione, altrimenti si rischia di perdere di vista i particolari che fanno la differenza.

Commento dell’Arch.  Elena Fedi del 10 Novembre 2008 a:

Provocazione di Burlando: destinare i 32 milioni di fondi europei per la rigenerazione urbana ai comuni che non costruiranno più per i non residenti – del 6 novembre 2008.

“Oh, finalmente …. Sono il coordinatore del circolo PD di Bergeggi (SV) e sono architetto libero professionista. E’ tutta la vita che combatto la mia battaglia politica e culturale contro questo fenomeno delle seconde case che continua ad insidiare la bellezza della ns. regione.

Nel mio paese, Bergeggi, si continuano a costruire solo 2e case …. nessuna casa per i giovani residenti, solo ville di lusso per milanesi facoltosi, condomini a 10.000 €/mq o “CASE VACANZA” (come l’ex colonie S. Sebastiano) spacciate come strutture turistiche e regolarmente in vendita sui giornali, a cui un’amministrazione miope dà  premi di cubatura sfacciati per fare cassa !!! E se tu, in commissione edilizia gliele blocchi … ti sostituiscono!!!

Quindi, bravo Burlando e bravo Carlo … sono con voi. arch. Elena Fedi.”

Arch. Fedi, anche noi di Ponente Varazzino vorremmo poterci unire a Lei nel dire “bravi” al Presidente Burlando e all’Assessore Ruggeri per questa loro improvvisa quanto imprevista sterzata ambientalista, ma dobbiamo ragionevolmente attendere che alle enunciazioni seguano i fatti. San Nazario e Varazze attendono fiduciosi di poter confermare la nuova linea d’azione della Giunta ligure: favorire recuperi urbani sostenibili, rispettosi del territorio e delle aspettative e necessità  dei cittadini.

Il direttivo.

Nessun commento »

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Leave a comment

You must be logged in to post a comment.